Pubblicato il Lascia un commento

Scrittori esordienti: la storia di Mario Pippia

scrittori esordienti

Qual è la strategia ideale per scrittori esordienti? Promuoversi con il Self Publishing su Amazon, e magari poi trovare un editore che creda in te. Ci siamo? Bene. Ma che cosa succederebbe se avvenisse esattamente il contrario?

Cioè che (per caso, per fortuna o per bravura, non importa) tu venissi pubblicato da un editore ma poi (per sfortuna o per tua decisione) passassi al Self Publishing?

Quali sono le Strategie per scrittori esordienti Self Publishing?

Bene, è esattamente quello che è successo allo scrittore Mario Pippia e ciò che ascolterai in quest’intervista.

In questa intervista scoprirai:

  • Chi è Mario Pippia e perché ha deciso di fare lo scrittore
  • Perché, diversamente da tanti scrittori esordienti, è passato dall’Editoria Tradizionale al Self Publishing
  • Quali sono le competenze professionali che uno Scrittore deve avere per promuovere il proprio libro
  • Quali sono le Strategie di Marketing che Mario ha adottato per promuoversi
  • E molto moooolto altro…

Per guardare e ascoltare l’intervista non devi fare altro che cliccare il tasto “PLAY” sul video qui sotto, ma prima di farlo…

Ricordati di accedere GRATIS alla Community di vendere un libro dove troverai: guide, interiviste e strategie per promuovere il tuo libro sul web… CLICCA QUI

Come può uno scrittore esordiente farsi notare nel mondo editoriale?

Mario Pippia è uno scrittore, di Torino. La sua città natale sarà particolarmente significativa per la sua carriera di scrittore (le sue storie sono ambientate proprio a Torino).

Inizia a scrivere “quasi per caso“: per una serie di coincidenze, inizia a giocare al videogioco Tomb Raider, e inizia a frequentare il sito web tombraiders.it (oggi aspidetr.it) dove conosce Mariano Rizzo.

Mario e Mariano creano quasi un rapporto “padre figlio” e Mariano inizia a coinvolgere Mario nella sceneggiature per un possibile film su Lara Croft. Da una di queste sceneggiature, Mario ne tira fuori un romanzo a puntate, “The Golden Legacy“.

Mario scopre che scrivere lo divertiva, che poteva inventare nuovi mondi, creare dei personaggi, vivere. Così, nel 2005 pubblica “Il Fiore di Pietra” (il suo primo vero romanzo): nonostante l’ingenuità, era un buon punto di partenza (magari, prima o poi, deciderà di pubblicarlo).

A questa prima opera non pubblicata, seguono altri romanzi, tutti ambientati a Torino e tutti con gli stessi protagonisti: il Commissario Polloni, il suo amico e collega Giacomo Rizzo e, da qualche tempo, Federica Conte.

Nel 2007 entra in contatto con Laura e Alberto Giachino, titolari della Graphot Editore, che in quel periodo stavano cercando romanzi gialli di scrittori piemontesi. Pubblica così “Dove la Notte Inizia” nel 2009 e “Tabula Rasa” nel 2011.

Dopo la crisi dell’editoria, la collaborazione di Mario con Graphot si interrompe e, dunque, decide di tentare la strada del Self Publishing: su  Amazon(Kindle) e Kobo, pubblicando 4 romanzi e 2 racconti:

Se vuoi seguire Mario Pippia sul suo sito e sui Social Network:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *